-->

FidiToscana » Garanzie "Emergenza Economia" » Garanzia investimenti (linea 1.4.b.1 POR)
 
Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2015
Unione Europea   Regione Toscana

Dal 2 febbraio 2012 è sospesa la presentazione delle richieste di garanzia sulla MISURA INVESTIMENTI.
Le richieste di garanzia con finalità investimenti potranno essere presentate dal 2 febbraio 2012 sulla MISURA LIQUIDITA’.

· GARANZIA INVESTIMENTI (linea 1.4.b.1 POR)
Fondi POR CreO 2007-2013 Linea di intervento 1.4.b.1


LA GARANZIA "EMERGENZA ECONOMIA" E' COMPLETAMENTE GRATUITA e copre a prima richiesta fino all’80% del rischio bancario.

Scheda informativa Regolamento DD 6287/10
(formato pdf) »
Tasso di interesse dell'operazione finanziaria (formato pdf) »
Settori ISTAT 2007 ammissibili (formato pdf) » Sospensione DD 93/2012
(formato pdf) »
 
Modulistica
Richiesta di variazione di garanzia PRE EROGAZIONE FINANZIAMENTO (formato pdf) » Richiesta di variazione di garanzia POST EROGAZIONE FINANZIAMENTO (formato pdf) »  

BENEFICIARI
Le piccole e medie imprese, come definite dall'art. 2 par. 1 n. 7 del Regolamento 800/08: Le imprese devono essere valutate da Fidi Toscana e dalla Banca economicamente e finanziariamente sane e, in ogni caso, devono rispettare i seguenti parametri:
  1. il rapporto tra patrimonio netto e totale dell’attivo non può risultare inferiore al 5% con riferimento all’ultimo bilancio approvato; per le società di persone e le imprese individuali il patrimonio netto è considerato integrato con il patrimonio dei soci o del titolare e ridotto dei prelevamenti di questi ultimi; qualora dall'ultimo bilancio approvato non risultasse rispettato il rapporto sopra indicato l'impresa potrà comunque richiedere l'accesso alla presente misura qualora al momento della presentazione della domanda di garanzia produca idonea documentazione comprovante l'incremento del patrimonio netto successivamente alla chiusura dell'ultimo esercizio;
  2. il rapporto tra oneri finanziari e fatturato non può risultare superiore al 5% con riferimento all’ultimo bilancio approvato*;
    in alternativa, prendendo a riferimento l'ultimo bilancio approvato o l'ultima dichiarazione dei redditi corredata da Stato Patrimoniale e Conto Economico per società di persone e ditte individuali, deve essere rispettato il seguente parametro:

    Patrimonio Netto / (Totale Attivo + Importo del finanziamento) > 20%.

    Nel caso in cui il rapporto di cui sopra non sia verificato sull'ultimo bilancio approvato, ma sia oggetto di successivi apporti da parte dei soci prima dell'erogazione del finanziamento, l'impresa dovrà fornire idonea documentazione comprovante l'avvenuto incremento del Patrimonio Netto;

Sono ammissibili alla presente garanzia anche le nuove imprese, ovvero quelle che hanno iniziato la propria attività da non oltre 24 mesi. Per la determinazione della data di avvio attività, viene presa a riferimento la data di emissione della prima fattura.

* per le imprese edili il fatturato è sostituito dal valore della produzione


OPERAZIONI AMMISSIBILI
Finanziamenti, locazione finanziaria e prestiti partecipativi di durata compresa tra 60 e 144 mesi, finalizzati a:

  • acquisto terreni (max 10% della spesa totale);
  • acquisto o realizzazione fabbricati, impianti, macchinari e attrezzature;
  • acquisto brevetti, licenze, know how o conoscenze tecniche non brevettate;
  • servizi di consulenza e di prima partecipazione a fiere o mostre;
  • ricerca, sviluppo e innovazione (comprese spese per il personale).

Per la verifica dell'intera gamma degli investimenti ammissibili: art. 1 comma l) del Regolamento.

Per operazioni di microcredito, a favore di nuove imprese o a fronte di spese per ricerca, sviluppo e innovazione, la durata dell'operazione può essere compresa fra 18 e 60 mesi.

Nel caso di operazioni di microcredito il finanziamento non potrà essere di importo superiore a Euro 15.000 a fronte di investimenti di importo non superiore a Euro 20.000.

L'investimento oggetto della richiesta di garanzia non può essere stato già iniziato dall'impresa nè deliberato dalla banca prima della presentazione della domanda a Fidi Toscana.


NATURA E MISURA DELLA GARANZIA
La garanzia rilasciata è a prima richiesta e copre fino all'80% dell’operazione finanziaria.


L’importo massimo garantibile per singola impresa è pari ad Euro 800.000,00.
Nel caso di progetto presentato da Società di Servizi Energetici, l'importo massimo garantito di Euro 800.000 è riferito al singolo progetto di investimento.

Sui finanziamenti garantiti con il presente prodotto, non potranno essere acquisite garanzie reali, bancarie o assicurative.


TASSO D'INTERESSE
Spread massimo sull’Euribor 1-3-6 mesi/ 360 giorni o sull’Irs stabilito con riferimento a 5 classi di merito di credito:

Classe di merito
FINANZIAMENTI CHIROGRAFARI

Fino a 5 anni

Da 5 a 7 anni
Da 7 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Ottimo
4,25
4,40
4,60
4,80
Buono
4,40
4,60
4,80
5,10
Discreto
4,85
4,95
5,20
5,75
Sufficiente
5,25
5,60
5,70
6,50
Mediocre
5,80
5,95
6,25
6,95



MICROCREDITO
5,60



Classe di merito
LEASING

Fino a 5 anni

Da 5 a 8 anni
Oltre 8 anni
Ottimo
4,25
4,40
4,80
Buono
4,40
4,60
5,10
Discreto
4,80
4,95
5,75
Sufficiente
5,20
5,60
6,50
Mediocre
5,80
5,95
6,95



Le condizioni massime sopra specificate potranno essere applicate su tutte le richieste di finanziamento non ancora erogate dalle Banche al 1/1/2012 fino al 25/07/2012.

COSTO DELLA GARANZIA
Zero


PROCEDURE
  • La richiesta di garanzia deve essere presentata dall’impresa interessata attraverso la compilazione dell’apposito modulo di domanda, allegandovi la documentazione indicata nell'Allegato 1, comprensiva dei preventivi di spesa in originale. La richiesta dovrà essere inviata contemporaneamente alla banca ed a Fidi Toscana.
  • Le garanzie sono deliberate da Fidi Toscana secondo l’ordine cronologico di ricezione e di completamento delle singole pratiche.
  • I finanziamenti devono essere completamente erogati entro 6 mesi dalla delibera di Fidi Toscana. Tale termine è ridotto a due mesi in caso di microcredto.
  • Entro i tre mesi successivi all’erogazione a saldo, i soggetti finanziatori devono far arrivare a Fidi Toscana dichiarazione attestante la data di valuta dell’erogazione, l’importo erogato, la data di scadenza dell’ultima rata, la periodicità della rata e il tasso d'interesse applicato all’operazione.
  • Gli investimenti devono essere integralmente effettuati e pagati dall'impresa entro due anni dalla delibera di ammissione a garanzia e comunque non oltre il 31/12/2015.
  • Le richieste di garanzia sul microcredito seguono un proprio ordine cronologico di istruttoria. La garanzia è rilasciata a condizione che il soggetto richiedente non risulti in sofferenza.

ALTRE NOTIZIE
La garanzia e la controgaranzia sono cumulabili con qualsiasi altro aiuto esentato ai sensi del Reg. (CE) N. 800/2008 purché tali misure di aiuto riguardino differenti costi ammissibili. La garanzia e la controgaranzia non sono cumulabili con gli altri aiuti esentati ai sensi del Reg. (CE) N. 800/2008 o con gli aiuti di importanza minore (de minimis) ai sensi del Reg. (CE) N. 1998/2006, ovvero con altri finanziamenti della Comunità relativi agli stessi costi ammissibili -coincidenti in parte o integralmente- ove tale cumulo porti al superamento dell’intensità di aiuto o dell’importo di aiuto più elevati applicabili all’aiuto in questione in base al Reg. (CE) N. 800/2008.

Fatta eccezione per le imprese del settore agricolo primario e della pesca, l’intensità agevolativa della garanzia o della controgaranzia, espressa in termini di Equivalente Sovvenzione Lordo (ESL), è calcolata ai sensi del Metodo nazionale approvato con decisione della Commissione Europea C (2010) n. 4505 del 6.07.2010. In particolare l’ESL è calcolata quale differenza tra:
- il costo teorico di mercato della garanzia per la copertura dei prestiti, attualizzato al tasso europeo di riferimento alla data di concessione della garanzia o della controgaranzia, come previsto dal Metodo nazionale e,
- l’eventuale commissione versata dalla PMI.


BANCHE CONVENZIONATE
Banca Carige;
Banca CR Firenze;
Banca del Monte di Lucca;
Banca di Credito Cooperativo di Cambiano;
Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci;
Banca di Credito Cooperativo di Fornacette;
Banca Federico del Vecchio;
Banca Interregionale;
Banca Monte dei Paschi di Siena;
Banca Nazionale del Lavoro;
BNP Paribas Lease Group;
Banca Popolare Etica;
Banca Popolare di Cortona;
Banca Popolare di Lajatico;
Banca Popolare Emilia Romagna;
Banca Popolare di Novara;
Banca Popolare di Vicenza;
Banco di Lucca e del Tirreno;
Banco di Sardegna;
Cassa di Risparmio della Spezia;
Cassa di Risparmio di Carrara;
Cassa di Risparmio di Lucca, Pisa, Livorno;
Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia;
Cassa di Risparmio di San Miniato;
Cassa di Risparmio di Volterra;
Etruria Leasing;
Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo;
Fises - Finanziaria Senese di Sviluppo;
Intesa Sanpaolo;
MPS Leasing & Factoring;
Nuova Banca Etruria;
Unicredit

ATTENZIONE LA PARTE DESCRITTIVA RIPORTATA E' FRUTTO DI UN LAVORO INTERNO DI SELEZIONE E RIELABORAZIONE, NON HA PERTANTO CARATTERE DI UFFICIALITA' ED ESAUSTIVITA' MA ASSOLVE A FINALITA' MERAMENTE INFORMATIVE. SI INVITA PERTANTO A FARE ESCLUSIVO RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA UFFICIALE RIPORTATA NEL REGOLAMENTO REGIONALE CITATO E NELLE FONTI NORMATIVE IN ESSO INDICATE.
© Fidi Toscana SpA · Viale Mazzini, 46 - 50132 Firenze · tel. 05523841 · mail@fiditoscana.it